Climatizzatore Inverter vs Climatizzatore tradizionale

Questa guida cercherà di spiegare, in termini di vantaggi e svantaggi per l’utente, cos’è un climatizzatore inverter e quali sono le differenze tra questo e la sua alternativa, cioè il climatizzatore on/off (anche detto “tradizionale”).

Premessa:
In questo caso ci occuperemo di climatizzatori split, che hanno quindi una o più unità interne, collegata/e ad una unità esterna.

Similitudini:

Sia il climatizzatore inverter che l’on/off danno all’utente la possibilità di impostare una temperatura sul telecomando e quindi raffrescano (o riscaldano nel caso delle pompe di calore) con l’obiettivo di mantenere la temperatura ambiente al valore di quella impostata.

Differenze:

Ciò che cambia e’ il modo in cui raggiungono il loro scopo, ovvero portare l’ambiente ad una temperatura ed umidità confortevoli per l’utente.

Nel condizionatore on/off, dove on/off si riferisce all’unità esterna che si accende e si spegne a seconda delle necessità, succede questo:
Esempio – nella nostra stanza abbiamo il condizionatore acceso e la ventola funziona alla velocità impostata; se, per ipotesi, la temperatura ambiente si e’ alzata ad un valore di 27° quando noi invece ne richiediamo 25 ecco che alla macchina esterna viene dato l’ordine di partire. Questa lavorerà da subito al 100% delle sue capacità per raffrescare il locale. Una volta raggiunti i 25° richiesti la macchina esterna si fermerà e rimarrà in attesa di nuove “istruzioni” da parte della macchina interna. Attenzione: durante questi cicli di on/off della macchina esterna, la macchina interna continuerà a ventilare, al fine di evitare stratificazioni dell’aria e per fornire una piu’ omogenea distribuzione dell’aria stessa all’interno del locale.

 

Nel condizionatore inverter, le cose sono un pochino piu’ evolute: la macchina esterna riceve l’ordine di partire e di fermarsi, in piu’ le viene anche detto a che potenza lavorare (potenza che varia tra lo 0% e il 100% delle capacità della macchina es: 80%). Se noi chiediamo una temperatura molto piu’ bassa di quella che già è in ambiente (es: 18° quando ce ne sono 27) la macchina esterna lavorerà al massimo delle sue capacità (100%) se invece chiediamo una temperatura molto vicina a quella che e’ gia’ in ambiente (es. 25° quando ce ne sono 27) la macchina esterna lavorerà a potenza ridotta, per ipotesi 30%. Riesce a fare ciò perche’ al suo interno ha un compressore inverter, dove i giri di rotazione del compressore sono variabili, e da qui prende il suo nome. (Il compressore, e’ un po’ il cuore del climatizzatore: pompa il fluido refrigerante all’interno di un circuito chiuso e gli da la possibilità di cambiare di stato da gassoso a liquido e viceversa, e così facendo permette al fluido refrigerante di asportare o cedere calore all’aria del locale da climatizzare).

 

I vantaggi dell’inverter si traducono quindi in:

    • Miglior comfort
      (poter variare la capacità rinfrescante o riscaldante fa si che l’oscillazione della temperatura in ambiente sia piu’ “morbida” e meno accentuata)
    • Assenza di partenze all 100%
      l’inverter parte al minimo dei giri e poi aumenta gradualmente quindi non ci sono picchi di richiesta di corrente (si riducono le possibilità che salti il contatore generale per troppa richiesta di corrente)
  • Resa economica migliorata:
    il risparmio energetico è particolarmente apprezzabile durante l’utilizzo in modalità pompa di calore.

 

Svantaggi principali:

  • Costi iniziali piu’ elevati
    Ciò e dovuto all’elettronica di controllo e soprattutto al fatto che un compressore inverter costa piu’ di un compressore on/off.

La conclusione spontanea, denaro permettendo, sarebbe quella di optare per un condizionatore inverter, in realtà non e’ sempre così:
A volte, il posizionamento della macchina, la tipologia del locale da condizionare e l’uso che si prevede di farne, possono rendere non necessario l’utilizzo di un climatizzatore inverter, in alcuni casi addirittura lo sconsigliano: non a caso tutti i maggiori costruttori di condizionatori, propongono a tutt’oggi sia una gamma di prodotti inverter che una di prodotti tradizionali (on/off).

Per sapere qual e’ il climatizzatore che fa per te chiamaci o scrivici per un preventivo gratuito: Un sopralluogo e’ quello che ci serve per darti le indicazioni di cui hai bisogno.

di Mario Balella